Ultima modifica: 14 Luglio 2012

Progetto Religo 2012 – scuola secondaria “B. Croce”

Il progetto Religo, promosso per il secondo anno dal Dipartimento delle Dipendenze del ASL Milano 1, ha come obiettivo la prevenzione delle dipendenze negli adolescenti.
I punti di forza del progetto sono molti:

  • Cambiamento di prospettiva: dalla prevenzione del disagio alla promozione della salute.

  • Rispetto alla prevenzione delle dipendenze: fa rifermento a ricerche che hanno dimostrato come l’informazione riguardo le sostanze e gli interventi spot, condotti da esperti, non sono efficaci, spesso ottengono effetti opposti a quelli desiderati.

  • Sono da privilegiare percorsi continuativi i cui referenti sono educatori che educano costantemente gli adolescenti.

  • La scuola diventa soggetto privilegiato, in quanto luogo di vita quotidiana degli adolescenti.

  • La co-costruzione di interventi fra scuola e operatori dei servizi, che si mettono in rete, permette di integrare competenze e intervenire, con tempi più lunghi durante l’anno scolastico e con programmi pluriennali.

  • Si passa da un modello che pone l’attenzione sui fattori di rischio ad uno che considera fondamentale lo sviluppo di fattori protettivi, life skills, che promuovono il benessere della persona.

La scuola secondaria “B. Croce” ha individuato le classi 1-2-3 A, 2D, 2B, 3E per la sperimentazione del percorso.
Sono stai coinvolti otto docenti del consiglio di classe (Felicetti, Bertin, Rossi L, Banfi, Morgante, Calabresi, Legnali, Rossi. P, ) impegnati, insieme agli operatori( Citterio, Cozzi e Radice), nella co-costruzione di un intervento destinato agli studenti.
Il gruppo di lavoro si è incontrato con cadenza mensile da ottobre a maggio.
Le abilità di vita (life Skills) da sviluppare: relazioni interpersonali, autoconsapevolezza, gestione delle emozioni e dello stress, capacità di prendere decisioni, senso critico ed empatia, sono state individuate confrontando la visione della classe, portata dai professori presenti, con quella raccontata dai ragazzi.
Le skills prescelte sono state il filo conduttore sia per i momenti formativi e di costruzione/ verifica con i docenti sia per gli incontri di due ore ciascuno, che operatori (Radice e Cozzi) e docenti hanno condotto insieme nella classe, i docenti hanno potuto osservare alcune dinamiche della classe.

Relazione delle attività svolte dalla classe 1^A

La valutazione fatta durante l’ultimo incontro ha messo in evidenza una buona soddisfazione dei docenti e dei ragazzi. E’ stato riconosciuto come importante l’aver potuto conoscere i ragazzi sotto altri aspetti.
La prospettiva per il prossimo anno scolastico è di proseguire gli interventi con un maggiore coinvolgimento delle prime e con il gruppo dei docenti, ci auguriamo un coinvolgimento anche di altri docenti del Consiglio di Classe.

                                                                                                    Rosanna Polato e Patrizia Felicetti